Recensione Nanofull Caravannano

Devo dirvi la verità, sono sempre stato un pò scettico sulle nanotecnologie e sulla loro resa a causa del costo abbastanza alto delle varie aziende. In questo caso Caravannano mi ha stupito con un prodotto “a 360°” ed accessibile a tutti. Nanofull si è comportato egregiamente sulle 3 superfici di prova, ma ho intenzione di testarlo più a fondo per capire fino a dove si spingono le potenzialità di questo prodotto.
Il Nanofull si presenta come una crema da applicare in piccola quantità su una spugna dal lato non abrasivo per poi andare a massaggiare il supporto (dopo averlo inumidito) finchè le macchie non vanno via. Infatti la specialità del nanofull è quella di non agire chimicamente sciogliendo lo sporco, ma di sollevare lo sporco ponendosi sul piano tra quest’ultimo e la superficie grazie alle sue microparticelle nanotecnologiche. In questo modo noi tramite azione meccanica della spugna dal lato non abrasivo andiamo a rimuovere ogni tipo di sporco che si pone sulla superficie. Per questo motivo Nanofull è adatto a tutte le superfici, anche le più delicate, perchè grazie alla sua formula la superficie non viene intaccata da solventi chimici causando l’aumento delle porosità che ho discusso in questo articolo.
Inoltre è 100% biodegradabile, per cui è perfettamente applicabile anche all’ormeggio.

Nelle prossime prove Nanofull verrà  testato su tessuti, legno e superfici con ruggine e vedremo come si comporta!
Caravannano ha pensato anche ad un protettore nanotecnologico che consente di proteggere le superfici dure (vtr, gelcoat, vetri, acciai) fino a 6 mesi, il tutto sempre ad un prezzo accessibile a tutti. In attesa delle prossime prove, non posso non invitarvi a dare uno sguardo al sito Caravannano.

Vantaggi
-Prezzo accessibile per nanotecnologie
-Applicabile su tutte le superfici
-Non intacca le superfici sulle quali è applicato

Svantaggi
– Bisogna lavorare manualmente per pulire, sulle grandi imbarcazioni il primo trattamento può diventare scomodo ed impiegare molto tempo per concludere il lavoro a mano, meglio usare un’orbitale con tampone morbido a bassi giri per velocizzare il tutto e poi applicare la protezione per il futuro

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.